Alba e la panchina di Panarea

by Diego Bianchi il 28 agosto 2003 @ 09:38 / Glob / 7 Commenti
E vabbè, spesso uno approfitta dei periodi di minor attenzione e bassa stagionalità per tentare, osare, allestire cose che in altri periodi sarebbe più difficile approcciare o proporre.
Dev'essere stato così che Tiscali Blog ha iniziato una collaborazione nientedimenochè con Alba Parietti.[...]
Eh già.
Circumnavigando la blogosfera sono andato a sbattere contro uno scoglio che prima delle vacanze non c'era e ora sta lì, in bella vista, con la sua splendida cozza attaccata (è metafora legata allo scoglio e alla navigazione più che all'aspetto fisico di Alba, che nessuno s'offenda eh) a dire la sua anche a mezzo blog.
C'è un intervento, uno solo, scritto l'8 agosto.
Un intervento con ben 93 commenti (alle 10 circa di oggi).
La collaborazione quindi funziona, fa audience, i commenti fioccano, ma dopo un po' fioccano pure i commenti e post acidi di chi non si sente considerato dal vipblogger commentato fino ad interventi sarcastici e scettici sull'operazione (tipo questo, questo o questo).
Il post che sancisce l'ingresso di Alba nell'ormai mondano mondo dei blog è tutto incentrato sugli oneri e gli onori dell'essere vip.
Nel post è dettagliatamente spiegato come al vip accadano cose strane e scorrette del tipo che tuo figlio finisce sul giornale per una rissa che non c'è mai stata piuttosto che per i bei voti presi a scuola, che esca un articolo che accusa tua madre di essere un'arrampicatrice sociale o un altro che dice che hai vomitato su una panchina di Panarea e non è vero niente (non si capisce se venga smentito il gesto di espulsione o l'ubicazione del fatto).
Vere e proprie infamie insomma, soprattutto quella della panchina di Panarea che inevitabilmente colpisce molto l'immaginazione di chi vip non è.
Come esempio di menzogna a mezzo stampa è inoltre riportata la leggendaria storia di Marco Predolin morto di AIDS che si manifesta in tv per dimostrare di essere vivo.
Insomma, mentre vi sgranchite le dita e gli occhi per riabituarvi alla lettura dei blog e districarvi nell'infinita offerta presente in rete, ho pensato di condividere con chi passa di qui la personale scoperta di questa new blog entry.
Molti di voi già ne erano al corrente, altri lo scopriranno solo ora.
Forse sarebbe il caso di dirlo pure ad Alba che ha un blog.
Qualcuno glielo dovrebbe ricordare.
Facebook

7 commenti a “Alba e la panchina di Panarea”

  1. scritto il 28 agosto 2003 11:16 da kalista

    hummm!!! questo significa ke siamo diventati “vips” anke noi???? Ma a un vip ke ci tiene così tanto alla privacy e ke si rabbatta tanto a nn fa’ sapere i fatti suoi ke ce scrive???? boh! ki vivrà leggerà!
    Quanto è trandy avere un blog! ;-Þ

  2. scritto il 28 agosto 2003 11:46 da bibi

    Io quando ho letto il suo unico post (e sono sicura che rimarrà tale) sono trasalita a più riprese. E mi sono chiesta: la plastica al volto gliela avranno fatta utilizzando la pelle del culetto?

  3. Zoro, grazie della segnalazione. Sicuramente un blog utile x scoprire altri blog..x il resto credo che tutti condividiamo il tuo parere. Continua pure a tenerci aggiornati sui BlogVIP: forse prenderanno il post delle classiche “Chat con Alexia”: + economiche + facili tecnicamente, ecc.. ;)

  4. scritto il 28 agosto 2003 17:10 da andrea

    Predolin è rimasto chiuso dentro gli studi di canale 5 e ogno tanto passa davanti alle telecamera, per sbaglio, cercando l’uscita. Ecco il motivo delle “apparizioni”

  5. Ho letto il post di Alba Parietti….non tutto, ovviamente, altrimenti sarei molta per un fulminante attacco di noia. Ma ho ben capito il genere di post. E devo dire che la trovo nauseante come cosa, davvero. Un vip che nel blog appena aperto non trova niente di meglio di cui parlare del suo essere vip e delle grandi ingiustizie e infamie che gli vengono fatte. Madonna che palle, se deve andare avanti così meglio che non scriva più niente! Che nausea!

  6. io quasi quasi la linko, tu che fai Zoro?

  7. scritto il 29 agosto 2003 10:04 da gitti

    linkarla? ma un buon acker?

Lascia qui il tuo commento


Creative Commons License