Ode a Taribo

by Diego Bianchi il 17 settembre 2003 @ 15:24 / Calcio_Antico / 6 Commenti
Ho appena scoperto che uno dei miei idoli assoluti degli ultimi lustri calcistici, un giocatore che credevo irrimediabilmente perso e ingiustamente dimenticato dai palinsesti che contano, gioca ancora, corre ancora, lotta insieme a noi e offre le sue prestazioni addirittura in Champions League.
Il tutto senza accoppiarsi con veline, miss e letterine dell'ultimora.
[...]

L'incommensurabile Taribo West, il fu capitano della fortissima Nigeria, l'ex stopper con licenza di picchiare e a volte segnare di Inter e Milan, il predicatore che nelle periferie di Milano smetteva i panni del calciatore per insaccarsi in quelli dell'imbonitore di anime, il rappresentante più autorevole e ascoltato di svariati extracomunitari sparsi per l'hinterland meneghino, milita con onore nelle fila del Partizan di Belgrado.
Lode a te, grande Taribo dalle variopinte treccette cornomorfiche, resisti, resisti e resisti, in un calcio di pazzi, i veri pazzi come te vanno sempre preservati.
Ravanando ho trovato questa poesia, tutta per te, o Taribo.
Oggi mi sento molto Ololade Omotoso.
Un football poet.

Facebook

6 commenti a “Ode a Taribo”

  1. Chiunque abbia giocato a Winning Eleven, puo’ capire il valore aggiunto di questo ragazzo.
    A margine noto che da Tomic il Partizan è passato ad annoverare Taribo.
    C’è sempre una luce in fondo al tunnel…

  2. Carismatico e folle come pochi, Taribo West è stato uno dei protagonisti dell’Inter che in assoluto ho più amato (e che rimpiango ancora).
    Ah, dimenticavo: bellissimo post.

  3. Mitico Taribo. E io che lo davo per disperso. Non dimenticherò mai quell’entrata su Kanchelskis…

  4. scritto il 17 dicembre 2003 00:20 da ANDY

    PECCATO CHE GIOCÒ ALL’INTER…

  5. scritto il 17 dicembre 2003 00:20 da ANDY

    PECCATO CHE GIOCÒ ALL’INTER…

  6. scritto il 3 gennaio 2005 20:39 da ciccio

    ma non fa il wrestling? (booker T)

Lascia qui il tuo commento


Creative Commons License