Palle rotonde

by Diego Bianchi il 1 settembre 2003 @ 12:49 / Calcio_Antico / 11 Commenti
Perle della giornata, per quel poco o troppo che ho visto, per quel minimo che mi è bastato.

- Nella stagione 2003/2004 gli arbitri indosseranno unilateralmente la stessa creatività della Juventus, fregiati anche loro dello scudetto originalmente sito al centro del petto.
Per questa stagione l’evidenza stilistica dovrebbe annullare polemiche e sospetti.
- L’edizione cartacea di Controcampo ora consta di 72 pagine.
Penso allo spreco di carta, soldi e foreste ammazzoniche oltre all’intorpidimento progressivo e inarrestabile della capacità critica di individui volutamente o occasionalmente alle prese con le 72 pagine in questione.
Lucia Blini mi provoca le stesse urticanti reazioni della particella di sodio in acqua Lete.
Piccinini quelle di un viscido pusher.[...]
- Galeazzi alla DS incastrato sotto al tavolo con curva di curvilinee signorine a fargli da schienale.
Le signorine minimalmente abbigliate con i colori delle squadre vengono inquadrate a seconda dell’argomento e delle misure. Se si parla della Juve, zoom su tetta bianconera, si parla dell’Inter, focus on ombelico nerazzurro. Geniale. La presenza in studio dell’immarcescibile Giletti m’induce a sospettare un riciclo di spintarelle.
- Oba Oba Martins ospite di Piccinini.
Terrorizzato dal contesto e consapevole di essere costantemente borderline tra l’elogio sincero e la presa per il culo di cui è spesso destinatario chi viene considerato un fenomeno da baraccone ha dovuto rispondere a domande quali:
Canalis: “Tu sai l’inglese vero?” (Martins è nigeriano, in Nigeria l’inglese è la lingua ufficiale).
Ordine: “Dove hai imparato a fare le capriole?”
Piccinini: “Hai trovato casa?”
Mosca: “Quanto fai sui 100 metri?”.
Mi stupisco che nessuno gli abbia chiesto dettagli sulle dimensioni del pene. Qualcuno lo farà.
- Cesari che fa lo spot per Fastweb ripetendo “on demaaaaand?” come farebbe la casalinga di Voghera alle prese con vocaboli sconosciuti.
La Canalis che gliene spiega il significato come farebbe una nipotina lolita impunita. Le manca una Big Bubble in bocca e sarebbe perfetta.
Cesari offeso  per la compresenza in trasmissione di Pairetto.
Cesari meno abbronzato del solito.
- Gaucci che intorno a mezzanotte attacca Pairetto.
Ieri arbitralmente non è successo niente. Piccinini era preoccupato.
A Gaucci il gettone di presenza è stato aumentato durante la trasmissione, tra uno spot e l’altro.
 
- Gli imbarazzanti 100 secondi di Calabrese, uno che non sarebbe in grado di sintetizzare in 100 secondi neanche la propria data di nascita, figurarsi l’ovvio di una giornata di campionato.
- Mihajlovic che deve giusticarsi con Ordine per la sua poco ordinata permanente.
- Lippi che dice 5 volte buon lavoro a quelli di Sky che lo intervistano tremolanti.
- Una Sky giornalista che introducendo la giornata dice: “la classifica è divisa in 3 tronconi perchè ci sono state le vittorie, i pareggi e le sconfitte”.
- Cassano e Montella che confezionano un gol che fa pensare più a un furto di merendine a scuola con presa per il culo del derubato che ad un pregevole gesto tecnico.
- Materazzi che fa un gol bellissimo sbagliando il tiro.
La Canalis dice di voler parlare un po’ di questo ragazzo del quale spesso si parla male.
Ecco, io vorrei continuare a parlarne male senza problemi, non capisco cosa sia cambiato.
- Cuper che osanna il genio creativo e verticalizzante di Helveg.
- Il genio creativo e verticalizzante di Albertini che maramaldeggia tra i bambini del Lecce.
- Adriano che non gliene importa un granchè che non ci sia più Mutu.
- Bothroyd e Bazzani che non sono delle pippe.
- Taddei, carneade brasiliano del Siena, che fa un gol clamoroso ma non riesce a commentarlo perchè le lacrime e un groppo in gola gli impediscono di rispondere a Saverio Montingelli che orgasmante gli chiede: “questo gol è per tuo fratello vero? Tuo fratello che è morto vero? E’ morto tuo fratello vero? In un incidente d’auto vero? Aveva 21 anni, tuo fratello che è morto in un incidente d’auto, 21 come il numero della tua maglia vero? Ha un significato particolare quindi vero? E’ morto solo due mesi fa tuo fratello di 21 anni in un incidente d’auto vero? Vero? VERO? V E R O ?
Facebook

11 commenti a “Palle rotonde”

  1. scritto il 1 settembre 2003 13:05 da gitti

    ma che mi dici di cecchi gori al posto della marini a quelli che il calcio?

  2. Mancano gli elefanti e poi il circo è al completo…

  3. scritto il 1 settembre 2003 14:18 da Giamaica

    Io direi di citare assolutamente tre perle di quelli che il calcio: l’uccello di delPiero sulla spalla di Genegnocchi, i goals riproposti dalla squadra di exgiocatori e i servizi di Pierpaolo Cattozzi sugli aggiornamenti del caso Catania.

  4. Dante, Petrarca, Vittorini, Pavese, Piccinini e Galeazzi: ogni epoca ha gli intellettuali che si merita… purtroppo a noi sono capitati gli ultimi due.

  5. Hola Diego! solito post graffiante il tuo…anche io mi sono divertito a fare le pagellone domenicali…

  6. scritto il 1 settembre 2003 19:37 da michele-venezia

    morale:il calcio giocato è migliore di quello parlato (sai che forza).A proposito, spero non ti sia perso Elton Maurizio John Crozza che,di viola vestito,canta le sue celebri canzoni con nuovi testi (parlando dei recenti mali del calcio attuale).Una genialata.ciao

  7. Caro Diego, penso che il piatto forte sarà un altro Diego, ben più tarchiato e leggendario, neo-acquisto della squadra di Biscardi…

  8. come, non ami la “bellissima e bravissima” lucia blini? com’è possibbbile? ehmh..

  9. Volevo lasciarti un saluto…ciao §(*_*)§

  10. Parafrasando
    In un mondo dove Piccinini parla e la gente applaude… tutto e’ possibile

  11. scritto il 9 settembre 2003 17:10 da miki

    non ho seguito molto la prima domenica di campionato, a parte qualche sprazzo di quelli che il calcio. Avevo però avuto modo di vedere l’inizio della domenica sportiva dell’era galeazzi ed agghiacciata avevo spento subito dopo … ma come si fa? di piccinini & co già si sapeva, ma la risposta rai a mediaset è un insulto allo sport

Lascia qui il tuo commento


Creative Commons License