Zio Tom e Zio Top

by Diego Bianchi il 3 dicembre 2004 @ 07:56 / GrandeFratello / 28 Commenti

Per quanto apprezzi Dizzy e abbia apprezzato Louis “Satchmo” Armstrong, ho sempre odiato i grandi sorrisi che facevano al pubblico. Io so perchè lo facevano, per far soldi e perchè erano intrattenitori oltre che trombettisti… Non mi sono mai sentito un intrattenitore come loro. Non avevo intenzione di farlo solo perchè qualche stronzo bianco razzista giornalista non-musicista si mettesse a scrivere qualcosa di buono su di me. No, grazie, non mi andava di vendere i miei principi per questo.

Miles Davis

Non so quanto e se abbia ragione Tremaglia quando sostiene che l'Europa è in mano ai culattoni, fatto è che se il Grande Fratello è uno deformante specchio dei tempi in corso, la vittoria annunciata di un gay extracomunitario è un dato indiscutibile del quale sarebbe miope non tener conto.
Se è vero come è vero che il “diverso” in tv è stato da tempo abbondantemente sdoganato grazie a politici gay, conduttori gay, fiction gay, direttori Rai gay, canali satellitari gay, opinionisti drag queen, opinionisti neri, giornalisti neri e pornostar in crisi mistica è pur vero che, per vincere con i voti di tutti, occorre far breccia anche e soprattutto in quelle sacche di perbenismo benpensante che tanto caratterizzano santi, eroi e navigatori televotanti.
Per vincere il GF5 bisognava piegare a sè quel perbenismo ipocrita che ha eliminato dalla faccia della tv ogni residuo bellico di Guido.
Per vincere bisognava ammorbidire quella morale comune che non si è accontentata di clamorose scuse ma ha preteso la disgrazia mediatica dell'ultimo sfigato affacciatosi alla tavola imbandita.
Per vincere bisognava far divertire e svagare chi preferisce cancellare il diverso, qualsiasi sia la diversità.
Jonathan c'è riuscito. [...]

D'URSO
Barbara D'Urso è contenta, e si vede.
PierFida ha vinto, su tutta la linea.
Ogni anno che passa la rende peggiore: nel look, nei modi, nei gesti, negli errori, nelle battute, nelle lacrime, nel controllo di sè e degli altri.
Alla fine di ogni puntata scommetterei sul suo licenziamento, e invece no.
PierFida va avanti, gonfia di niente, un niente che a Mediaset piace al punto da premiarla con la prossima probabile conduzione della Fattoria.
E noi qui, ad imparare da lei che l'importante non è essere bravi ma sentircisi e che al basso profilo è sempre preferibile quello ritoccato.

LIORNI
Liorni è contento, e si vede.
Il GF è finito e da domani Marco torna ad essere un uomo libero, forse.
Perchè quel che va detto va detto, a Liorni va dato quel che è suo e se lo rivedo tra un anno davanti a quella porta lo insulto pubblicamente come non ho mai fatto fin qui.
Il ragazzo (che negli anni si è fatto uomo) è uno dei pochi che in tv dice quasi sempre la parola giusta al momento giusto, non sbaglia praticamente mai, trasmette tranquillità, è presente a se stesso e sempre più presente di chi lo circonda, garbato nei modi, forse troppo, con il pregio-difetto di non sgomitare, di non urlare, di non dare fastidio, di farsi notare sulla distanza e mai sul breve.
Quando lo vedi ti accorgi che in fondo Liorni c'è e ti chiedi perchè in tanti anni quest'uomo (che rischia di farsi vecchio) sia stato solo vittima di alcuni esperimenti e mai protagonista degli stessi. A domanda non sopraggiunge logica risposta e fantasticare di complotti e scarsa capacità autopromozionale risulta automatico.
“Guarda Liorni, è sempre uguale, non cambia mai”, viene spesso da dire al cospetto delle sue pillole di buona educazione televisiva dispensate tra veline e body builder popputi in ugual misura.
Ecco, caro Marco, credo sia arrivato il momento di cambiare, e di competere per qualcosa di più gratificante di una dignitosa pensione da usciere del GF.
Mazzocchi, Bagatta, Caputi e Bossari non hanno molto più di te.
Fattene una ragione.

FINALISTI
I 3 finalisti sono contenti, soprattutto loro, e si vede.
E' bello vedere gente felice.
E' bello vedere persone che non erano niente diventare qualcuno.
Scatta immediato il processo di immedesimazione.
Poi pensi che se per diventare ricchi e famosi bisogna urlare così, allora forse è meglio rimanere in un dignitoso anonimato.
I 3 urlano, se non urlano piangono, se non piangono si abbracciano, se non si abbracciano saltano, a volte svolgono le quattro attività contemporaneamente, il tutto sempre e comunque spergiurandosi eterna amicizia.
Jonathan, Catrina ed Alessandro sono ad un niente dal cambiarsi la vita, ad un passo dal battezzare un Fan Club, ad un taxi da Cronache Marziane, sognano ad occhi aperti mentre decine di concorrenti mancati sillabano i loro nomi dall'esterno, mentre l'ebbrezza della fama comincia ad accarezzargli le zone erogene, subdola e piacente, pericolosa e irresistibile.
Come anche l'anno scorso il grosso del puntatone finale si svolge in giardino, dove l'alito diventa fumo, il plasma assume forma tonda e i video che vi scorrono dentro sembrano filtrati dalla sfera di Escher.
Mentre Katia Ricciarelli gorgheggia in confessionale, uno scimmione caracolla nel tugurio e una telecamera copula in suite con un corpo di donna del quale viene omessa la testa, la puntata comincia a dipanarsi in tutta la sua pretestuosa prolissità.

SETTIMANA
L'ultima è da sempre la settimana più noiosa e montare il video della settimana più noiosa dell'edizione più noiosa del GF non dev'essere divertente per nessuno.
Per nessuno, tranne che per i 3 finalisti.
Per la prima volta i 3 si rivedono in tv mentre si picchiano e si ingroppano e si baciano e si giurano amicizia infinita e tutto ciò li fa stramazzare a terra dalle risate, urlando, quindi piangendo, infine commuovendosi al punto da rigiurarsi amicizia imperitura, di nuovo amore eterno, ancora fedeltà quando non sottomissione reciproca, per il resto dei loro giorni in discoteca.
Brindando in suite, Jonathan si supera pensando ai figli che avrà e al momento in cui racconterà loro di questa grande amicizia a tre.
Tra le urla si capisce che la parola d'italiano che Catrina ha imparato meglio in questi 71 giorni è top e che Jonathan ritiene quello delle percosse l'unico modo per approcciare uno scorpione. Siccome è già la seconda volta che in quest'edizione sento stronzate contro gli scorpioni, ritengo sia giusto, diverso per diverso, cominciare a sdoganare anche lo scorpione.

PACCHI
Ma qualcosina in settimana è successo e proprio mentre Jonathan si pensava papà alzando il calice in suite, tre parenti entravano di nascosto nella casa a nasconder pacchi dono.
Della tazza da tè di Jonathan poco me ne cale.
Di Vanessa, l'amica di Catrina, invece parlerei per ore.
E' lei, l'ho già detto, la più bella di quest'edizione e tanto è palese la cosa che finalmente gli autori la spogliano e la buttano in piscina.
Ma ormai è troppo tardi per cambiare concorrente, qualcuno ha scelto Catrina e il focus torna giustamente su di lei che nel pacco-dono trova una di quei cappelli a forma di pizza che da piccolo mettevo pure io quando mi facevo le trecce, un raccogli-dreadlock per rasta che non mettono più neanche i rasta ma che fa comunque molto Giamaica e che nei licei dei film di Muccino e Virzì ogni tanto ancora si vede.
Giamaica uguale Marley e mentre Catrina starnazza su Get up stand up regalandomi un altro motivo per odiare quest'edizione, mi stupisco che per completare l'opera evocativa non le abbiano permesso di rollarsi una canna in diretta.
Ma tutto ciò è niente se paragonato alla bellezza dell'espressione attonita di Alessandro di fronte al feticcio indio ricevuto in dono dal padre muratore.
Il ragazzo ha la passione per gli indiani, si sa, ed è per questo che gli viene consegnata la collana del leader dell'Isola dei Famosi, con un bigliettino in attached che lui non riesce a leggere ma Jonathan che è calligrafo sì. Il tutto genera pathos a catinelle, Alex va a pisciare e PierFida chiude eccezionalmente il televoto al cospetto dei 3 finalisti. Jonathan, in un proverbiale orgasmo, dice a Catrina che les jeux sont faits, il dado è tratto, vinca il migliore, gli ultimi saranno i primi, chi fa da sè è a metà dell'opera, in medio stat in fundo e chi ben comincia ci lascia lo zampino.
Catrina dice top, Alex se lo sgrulla.

CONFESSIONI
Ma non è ancora il momento delle eliminazioni.
JonCatAlex fanno outing e coming out nei loro ultimi confessionali, parlando  ognuno del prossimo, regalandosi reciprocamente del sesso orale pieno di “sei più bello tu, no sei più forte tu, no sei più fico tu, ecc. ecc.”.
Quintalate di amicizia, amore, stima, fiducia, gratitudine, passione, tenerezza, simpatia, feeling e toppitudine si rovesciano nel giardino di casa.
Rifiuti di buoni sentimenti si accatastano, invoco una raccolta differenziata, si riasciugano le lacrime, si riurla, ci si riabbraccia.
“Abbiamo vinto tutti”, dice Jonathan, ma non è vero, e lui lo sa.

ALESSANDRO TERZO
Non ha vinto Alessandro che esce per primo.
Col feticcio indio attaccato al pube Pocahontas saluta i due finalisti e scatta incontro alla gloria, ma un rigido copione prevede che debba sbattere la testa sulla porta ancora chiusa.
Non è ora di uscire, non ancora.
C'è da andare nella suite dove un plotone di ex concorrenti femmina vestite da squaw sculetta in faccia ad Alex scarabocchiandolo di vernice.
Mentre noto come Patty sia riuscita nell'impresa di avere la parte di colei che si siede sul pisello del ragazzo, apprezzo finalmente le qualità represse di Alessandra, prima eliminata del GF5, concorrente dalle mortificate grandi potenzialità fisiche finalmente rivelate.
A quel punto Alessandro uscirebbe pure, e invece no.
Sinuosamente spogliata in una minigonna più corta delle mutande di Catrina, entra in scena Nina Moric recante seco un piumaggio da gran capo navajo destinato alla criniera del ragazzo.
Lui basisce, intosta e s'appella agli spiriti Apache per rimanere zen, ma nel fare esercizio di buona educazione di fronte alla levigata ospite viene cazziato da PierFida che sperava almeno in una mano Arapaho tra le chiappe di lei. “Sei bella” dice lui, “sei bello” dice lei e quando l'acme dialettico è raggiunto, Alex abbozza il succhiotto.
Togliendosi la bava di saliva dalla pellerossa, Nina sculettando va alla cassa; il ragazzo, barzotto, può finalmente uscire.
Tra ziliardi di mani che varcano i pertugi rettali dei suoi pantaloni esplosi, Alex trova Beatrice, la sua cornuta del cuore.
“Ti amo” dice lui, “ti amo” dice lei, “Augh” dovrebbe dire Liorni, ma anche i migliori ogni tanto sbagliano.

LA NONNA
Della permanenza di Alex in studio salto tutta la parte dedicata ai video e al perchè si sia trombato Catrina, essendo chiaro che se l'è trombata perchè il pisello gli aveva ottenebrato la mente ed essendo altrettanto chiaro che ha smesso di trombarsela perchè al decimo strillo di Catrina qualsiasi pisello si ritirerebbe in buon ordine.
Ma il momento più divertente della puntata è arrivato.
Alex ha una nonna in Etiopia che non ha mai conosciuto perchè andare in Africa costa, e siccome il GF aiuta i deboli, gli oppressi e i poveri, all'improvviso se la trova davanti.
Una donna in abito tradizionale incede lentamente tra ali di folla, segnata in fronte da una specie di celtica squadrata, sorridente per quel che la dentatura le permette, contenta di vedere il nipote per la prima volta. “Welcome” le dice PierFida due secondi prima di specificare che la donna, poverina, non parla neanche inglese.
Mentre mi scompiscio sulla poltrona pensando a quali contorti e perversi meccanismi muovano i fili della lingua della D'Urso, mentre sul monitor scorrono immagini di sole e deserti tratte dalle Falde del Kilimanjaro (che si sa, l'Africa uguale deserto uguale sole), mentre Alex per un attimo prova vergogna e vorrebbe stare altrove con la nonna, mentre la nonna si guarda intorno divertita senza capire un cazzo di cosa stia succedendo, una specie di antifurto in lontananza copre l'audio, sempre di più, insistente, costante, cadenzato.
E' lei, è la nonna che saluta alla sua maniera, facendo lo zagarit (un tipico saluto berbero equivalente all'applauso), perchè lei è educata e saluta, ma nessuno, tranne Alex e l'interprete, sembra accorgersene.
PierFida sulle prime è addirittura infastidita, cerca di glissare, poi non ne può più e tenta di capire, si guarda intorno, quasi cazzia i tecnici audio, ma quando poi comprende che il suono proviene direttamente dalla bocca della nonna, sono momenti di alta televisione, di vera world music, di imbarazzo cosmico per una donna che stava tanto bene al paese suo e che come prima cosa del mondo “civilizzato” ha avuto in sorte la finale del GF5, ma soprattutto PierFida.

JONATHAN PRIMO, CATRINA SECONDA
Intorno alle 22.00 un sms spedito dai pressi della sala regia mi conferma che il vincitore è Jonathan. La mia signora accoglie la notizia contenta perchè può andare a dormire senza dover aspettare oltre.
L'ufficializzazione live, tuttavia, ha sempre il suo fascino e quando PierFida proclama vincitore l'etnogay è il delirio.
L'home theatre regge a malapena, collaudate amplificazioni del gay pride gracchierebbero perdendo fusibili, Jimmy Somerville sembrerebbe un tenore mentre Catrina è un baritono di scimmia ubriaca e siccome questa della scimmia agli autori è piaciuta tanto che quasi gli chiedo i diritti, giusto giusto uno scimmione arriva a duettar con lei, prendendola di peso, mostrandone il culo promesso agli italiani una settimana fa, ma rivelando solo una calza abbondantemente smagliata.
Una volta nel tugurio, lontano dal vincitore, le due scimmie duettano amabilmente, in una prova d'attore notevole da parte di entrambi, roba da tener presente in futuro per eventuali remake. Lo scimmione però non è un attore. O forse sì, cioè, non lo so, nessuno sa cosa sia Raz Degan. Di certo c'è che Raz Degan in questo caso non recita a Caz Decan ma tanto entra nella parte da voler far sua quella di Catrina, simulandone l'inchiappettamento animalesco, giustificato dal contesto.
Raz, insomma, ne esce benissimo, e dopo l'indimenticabile proiezione in prima serata su Italia Uno del filmino delle sue vacanze con la Barale, è già la seconda volta che lo apprezzo in pochi mesi.
Ma siccome il GF ha i soldi che i parenti non hanno, dopo Raz arriva la mamma giamaicana di Catrina, donna con la quale PierFida, inspiegabilmente, comincia a parlare in inglese anzichè in berbero e alla quale Catrina urla “you are the top”, e tutto torna.
Poi, finalmente, Catrina esce ed è solo un'altra buona occasione per ammirare Vanessa. Sarà lei a beneficiare del GF5, più di Catrina, passata in due mesi dal ruolo di pin up col culo di fuori a quella di orfanella arrivata ad un passo dal ripetere le gesta di Floriana Secondi.
Per Catrina ora fioccano le mamme e quando quella di Jonathan la accoglie con un “tu adesso sarai la mia seconda figlia”, la mamma giamaicana si incazza visibilmente. Il lavoro sporco, del resto, l'ha fatto tutto lei.

JONATHAN E SORPRESE
Ma torniamo al vincitore.
Solo nella casa, svolazzando e ghirigoreggiando su porte e muri armato di maiuscole e minuscole, Jonathan scrive massime e cita Orazio, si fa checca come non mai, si dimentica che chi l'ha votato lo vuole gaio ma non orgoglioso e per qualche attimo perde il controllo. E' l'arrivo della Ricciarelli a rimetterlo sulla retta via, anche perchè dei due quella più bisognosa di immagine, al momento, è sicuramente lei.
Il loro duetto nel confessionale ricorda da vicino il Pavarotti & Friends, con le stecche dei Friends e quelle impreviste dei Pavarotti.
Il cielo nella stanza si fa plumbeo e Pippo Baudo, solo e vessato, si prende finalmente una piccola soddisfazione.
Lui una figura di merda così è tanto che non la fa.
Dopo la stecca della Ricciarelli c'è la lettera della mamma, poi le foto di Jon da piccolo, poi le lacrime di Jon che dedica la vittoria ai genitori con l'auspicio che tutti al mondo possano provare la gioia di vincere il GF.
E' a quel punto che direttamente da Israele arriva in casa la sorella del vincitore, Grace Jones diafana imbustata in un enorme vestito ideato da Jonathan sulla fantasia di Slave to the rhythm. Quando so che costei si chiama Limor penso a che vita d'inferno farebbe a Roma una con un nome così, ma per fortuna ci pensa Jonathan a chiamarla Limi. Limi, a sua volta, per regalare un ultimo brivido, rimpiange di non aver potuto far vedere il seno a tutt'Italia.
A quel punto il vaso di melassa è stracolmo, nella casa non c'è più nessuno da abbracciare, le urla hanno l'eco e Jonathan esce.

ZIO TOM
Ad attenderlo fuori ci sono tutti i suoi amici e nell'ordine: Splendidone, Mr.Shopping, The King, Antinfiammatorio e altri che non ho capito, roba da far impallidire tutti i Cani Malati e i Pesci Palla di Diggei Francesco, in un trionfo omo e gaio, checca e chic, con omaccioni che lo sollevano sul trono del vincitore e fan che lo denudano, donne che lo abbracciano e Liorni che lo prende a virili pacche sulle spalle.
In studio, quando arriva, piangono tutti, dai parenti a PierFida, dalla nonna di Alex che continua ad urlare, alla mamma di Catrina in rotta con quella di Jonathan, da Patty che vuole i diritti sul “top” e sull'”àmo” a tutti gli ex concorrenti che tanto avrebbero voluto stare al suo posto.
Ma Jonathan è furbo.
Jonathan sa perchè ha vinto.
Jonathan sa che ha vinto perchè gay, ma sa anche che certe cose è bene farle capire, senza dichiararle, anzi.
Si spiega così il tentativo di accreditarsi una ex fuori dalla casa e qualche simpatia femminile dentro la casa.
Tutti ridono, lo assecondano, recitano.
Lui per primo, novello Zio Tom ad uso del prossimo.
Lui che non ha mai detto “sono gay”.
Lui che se lo avesse detto, chiaramente, esplicitamente, senza gridolini e mossette, starebbe a far compagnia a Guido da un pezzo.

SALUTI
Zoro è contento, e si vede.
Ringrazia tutti, commosso.
Quattro edizioni seguite passo passo sono tante, forse troppe, ed è arrivato il momento di fare altro.
Ma al suo Grande Fratello, da buon figlio unico, Zoro resterà sempre affezionato.

Z

Facebook

28 commenti a “Zio Tom e Zio Top”

  1. scritto il 3 dicembre 2004 08:25 da SanVa

    Pensavo Limor fosse la sorella der Giamaica

  2. scritto il 3 dicembre 2004 08:25 da SanVa

    o la figlia der Duca

  3. scritto il 3 dicembre 2004 08:35 da amlo

    è vero, è ora che tu e liorni facciate altro. magari insieme.

  4. scritto il 3 dicembre 2004 09:26 da elena

    e anche questa edizione ce la siamo levata dai c…..! Ha vinto la persona che era giusto che vincesse, non mi interessa se ha vinto perchè è gay. Non lo conosco di persona, ma Jonathan non deve essere molto diverso da quello che si è visto: simpatico, divertente dolce e soprattutto molto attaccato alla famiglia: non era così che doveva essere? Altro che Rosy ed Alfio. Ma dove si trovano al giorno d’oggi dei ragazzi così riconoscenti e affezionati ai genitori e ai fratelli? In una famiglia che proprio in diretta, tra l’altro, ha detto che Jonathan è capitato, ma non era programmato!!!!
    Un mito, l’unica cosa da ricordare di questa edizione.
    Zoro, spero di leggerti anche per il prossimo GF, nel frattempo spero che ci delizierai con il nuovo reality della D’urso, che sia la Fattoria o altro.
    Grazie per i momenti divertenti

  5. scritto il 3 dicembre 2004 09:28 da elena

    dimenticavo….: se alla prossima edizione Liorni non fa il conduttore promuovo una raccolta firme da mandare a Mediaset

  6. scritto il 3 dicembre 2004 09:29 da elena

    dimenticavo….: se alla prossima edizione Liorni non fa il conduttore promuovo una raccolta firme da mandare a Mediaset

  7. Grazie di tutto, Zoro.

  8. Grazie di tutto, Zoro.

  9. scritto il 3 dicembre 2004 10:18 da sabri

    Carissimo, bellissima come sempre la tua cronaca … ma la nonna di Pochaontas non viene dall’Eritrea? Vabbè, l’importante è che lo scempio sia finito, ma come faremo senza i tuoi resoconti? Baci e grazie

  10. scritto il 3 dicembre 2004 10:25 da dolcix

    Grazie di tutto Zoro, per tutti questi anni, e per tutte queste parole. (Mi mancheranno…. ma chissà che qualche altra “cronaca”, magari di qualcos’altro non possa nascere ancora).
    Un bacio

  11. scritto il 3 dicembre 2004 12:05 da Carolina

    grazie Zoro
    sono tre anni che ti seguo e ti leggo sempre!
    la penso come te in tantissime occasioni ma sai una cosa?
    A me Jonathan è piaciuto, non perché è gay ma perché è forte, è furbo e anche divertente.
    di nuovo grazie di tutto e ….
    al prossimo reality, non mollare dai, ti siamo tutti affezionati e ti seguiamo numerosi.

  12. scritto il 3 dicembre 2004 12:25 da il cobra

    Zoro: chapeau. Hai cominciato chic e finisci chic.

  13. scritto il 3 dicembre 2004 13:23 da coso

    scusami tanto zoro….. ma do’ vai?

  14. scritto il 3 dicembre 2004 13:29 da stricnina

    Jonathan si dichiara etero, e io ci credo. Perche’ sarebbe ipocrita aver fatto vincere lui? E’ caruccio, simpatico, buffo, spontaneo. Non sparla e non butta mai veleno sul prossimo, ha un’anima bella. Era giusto farlo vincere, e chissene di dov’e’ nato e di chi sono i suoi compagni di letto. Comunque gli urletti, i gridolini e gli sculettamenti effeminati non fanno automaticamente un gay, credimi. Mai fermarsi alle apparenze. Penso sia molto piu’ facile che la lingua in bocca ad un uomo l’abbiano messa Guido, Alessandro o Tony. Un mio amico era piu’ o meno come JJ, e ti assicuro che di donne ne aveva pure troppe… molte piu’ di quelli che fanno i machi e la sera si caricano i viados per una serata folkloristica (si dice sempre cosi’).
    Rimane il fatto che il GF5 ha fatto veramente pena.

  15. scritto il 3 dicembre 2004 13:37 da stricnina

    Ah, comunque Marco Liorni ha detto che con il GF ha chiuso. Dopo la Bignardi, la trasmissione voleva presentarla lui. Nisba. Poi voleva piu’ spazio, a parte le televendite. Nisba. Poi gli hanno fatto fare delle puntate pilota di trasmissioni nuove. Nisba. Pare voglia proporre dei reality di sua creazione. Tifo per lui. BBono come il pane e dolce come nu babbba’.

  16. Che dire? Forse che lasci il tuo “pubblico” sempre senza molto altro da aggiungere… ma mi aspetto da te ancora un colpo di coda… anzi, sono certa che arriverà. E comunque sei sempre in tempo a ripensarci. Passerà un anno prima del prossimo Grande Fratello. Con sollievo di migliaia di persone. Ciao Zoro, a presto.

  17. scritto il 3 dicembre 2004 21:15 da spyro

    Jonathan non mi piace, non lo definirei onesto, ne tanto meno spontaneo, ma devo ammettere che per la prima volta in 5 edizioni, dei 15 partecipanti ha vinto il più intelligente… ritengo questa novità molto inquietante..

  18. scritto il 3 dicembre 2004 22:41 da crisulina (solo per farmi riconoscere)

    spero vivamente che non ci sarà un GF6 ma, al contempo, che le tue cronache ricadano su qualche altro bel programmino. Come tutti gli anni oggi avranno registrato la puntata di giovedì prossimo: sarà terrificante, con Pierfida che cerca di mettere zizzania…ho già i brividi. A te Zoro grazie sempre per quello che scrivi e come lo scrivi.

  19. scritto il 3 dicembre 2004 22:42 da crisulina (solo per farmi riconoscere)

    spero vivamente che non ci sarà un GF6 ma, al contempo, che le tue cronache ricadano su qualche altro bel programmino. Come tutti gli anni oggi avranno registrato la puntata di giovedì prossimo: sarà terrificante, con Pierfida che cerca di mettere zizzania…ho già i brividi. A te Zoro grazie sempre per quello che scrivi e come lo scrivi.

  20. scritto il 3 dicembre 2004 22:43 da crisulina (solo per farmi riconoscere)

    spero vivamente che non ci sarà un GF6 ma, al contempo, che le tue cronache ricadano su qualche altro bel programmino. Come tutti gli anni oggi avranno registrato la puntata di giovedì prossimo: sarà terrificante, con Pierfida che cerca di mettere zizzania…ho già i brividi. A te Zoro grazie sempre per quello che scrivi e come lo scrivi.

  21. scritto il 3 dicembre 2004 22:43 da crisulina (solo per farmi riconoscere)

    spero vivamente che non ci sarà un GF6 ma, al contempo, che le tue cronache ricadano su qualche altro bel programmino. Come tutti gli anni oggi avranno registrato la puntata di giovedì prossimo: sarà terrificante, con Pierfida che cerca di mettere zizzania…ho già i brividi. A te Zoro grazie sempre per quello che scrivi e come lo scrivi.

  22. scritto il 4 dicembre 2004 01:31 da Duncan

    Anche se fosse gay, che male ci sta?
    Bah…. già far notare semplicemente che una persona è gay è sinonimo di arretratezza mentale, nonchè prova del fatto che si tendono a notare subito queste differenze: nei paesi nordici se uno viene a sapere che una persona è gay, equivale all’aver sentito un “ciao”. Ossia, non gli fa nè caldo nè freddo…

  23. scritto il 4 dicembre 2004 02:33 da Michele

    Dovrò farmi controllare la vista ma a me Vanessa sembra la bella copia di un trans,bella ma sempre un pò trans…ho trovato ipocrita accostare per forza una ragazza a JonathanLaCayenne…prevedo fiumi di parole a Buona Domenica e dintorni sull’argomento…infine un suggerimento:caro Zoro perchè non ti proponi come opinionista al GRANDE TALK la + bella trasmissione attualmente in tv? Già ti vedo conversare amabilmente con la critica dell’Avvenire (mi sfugge il nome,mannaggia…)

  24. sei un grande! ti seguo da tre edizioni su excite e ormai guardo il GF solo per leggere con consapevolezza le tue recensioni! (e questo chissà quanti te l’avranno già scritto!)
    però grazie, grazie per aver dato un senso a tutto ciò.

  25. già, ma che tristezza!

  26. E Di Guido escluso anzi censurato da ogni immagine sul Gf?che schifo! Nemmeno fosse morto.

  27. Mio Caro, Lei è un Genio.
    Sua ammirata
    M.lle C.

  28. scritto il 5 marzo 2006 13:30 da Anonimo

    NCSoft showed they had the right MMO stuff during 2004 with the awesome City of greche Heroes and this game should further burnish sexy web their online pik reputation Guild giardinaggio fiori Wars due out this tettone fresche spring racconti erot may look eros ramazzotti testi canzoni like a bellezza clip standard sexy thong online roleplaying game nascita del but itrsquos infinity home very different Combat happens in real time and therersquos a heavy playerversusplayer component This one perversioni sessuali even has a weird collectiblecard strategy copertine vcd element Yoursquoll faro croazia acquire skills as you level up throughout the game but you can only take eight of them into any given scenario forcing you to orge plan and coordinate with belle femme di pietro teammates The Ampro Linux distribution includes a full root file system raffreddamento notebook Xfree graphics package and GNUbased bottiglia in culo development tools Drivers for all ReadyBoard IO including the video controller are included and preinstalled The system hairy cunt boots to a Linux command prompt gran fiche at poweron transessuali porno A version chevrolet pickups based on the 26 kernel will be available in Spring 2005 invisibile fighetta sexldo As reported by Microsoft Watch anallecken in May the kyssen Shared Computer Toolkit has been in private beta editor video test since www tgcom it May The product is designed for users who are sharing computers in businesses and homes It is especially focused on users of shared computers immagini di donne nude gratis in libraries cafeacutes schools and other similar vibratori sex environments testers said

Lascia qui il tuo commento


Creative Commons License