Antitolarsi

by Diego Bianchi il 21 gennaio 2005 @ 13:56 / Cose_Nostre / 3 Commenti
Dare un nome non è per niente facile e chiunque abbia dato vita a qualcuno o qualcosa da identificare capisce cosa intendo.
E' una grande responsabilità, un marchio indelebile che si appone, una decisione che ti si potrà rinfacciare per sempre contro, comunque un atto di coraggio, perchè scegliere anche per gli altri, e a volte per sempre, è cosa difficile e oltremodo responsabilizzante.
Tuttavia, se farsi trovare impreparati dopo 9 mesi di gestazione non è consentito da nessuna anagrafe che si rispetti, presentarsi come trovatelli in campagna elettorale è cosa incomprensibile e vagamente incosciente. [...]
Il ciclico problema del nome della nuova formazione del centro-sinistra non sfugge a queste considerazioni e presentarsi periodicamente al prossimo ogni volta con un nome diverso può dar luogo a incomprensioni e crisi d'identità.
Un vecchio giochino realizzato da tempo ma tornato in auge in questi giorni (e chissà quante altre volte in futuro), fa sì che ammucchiando randomicamente sostantivi, complementi e aggettivazioni vagamente mancine, ogni risultato risulti grottescamente plausibile.
Il problema è che quel giochino è quanto di più aderente alla realtà si possa immaginare.
L'errore più grande che leader ed esperti di comunicazione continuano a commettere in tal senso è quello di procedere per addizioni, quando la sottrazione, laddove più soggetti sono alla costante ricerca di qualcosa che li accomuni, sarebbe il metodo più semplice ed efficace per giungere ad una credibile conclusione.
Centro-Sinistra, in fin dei conti, sarebbe la scelta più ovvia e forse proprio per questo non ci pensa nessuno.
Senza considerare poi che il problema vero è che dopo il nome c'è da decidere un sacco di altre cose e che un bel nome aiuta, ma di suo garantisce poco o niente.
Facebook

3 commenti a “Antitolarsi”

  1. scritto il 21 gennaio 2005 15:24 da G.

    E’ vero sono messi male, ma c’è sempre un’autogoal di Berlusconi che pareggia le cose. Infatti appena i curatori d’immagine del Berlusca (Fini e Follini) si distraggono ci pensa lui a dire qualche stronzata per pareggiare il vantaggio. Secondo me con Berluconi che spara fesserie e le confusioni sul nome della coalizione della sinistra alla fine saranno pari.
    Il più grande alleato di Prodi secondo me è Silvio, appena vede Romano che rimane indietro si inventa sempre qualcosa per annullare il vantaggio.

  2. Io trovo invece che sia ‘in linea’ con questa sinistra.

  3. scritto il 25 gennaio 2005 07:52 da delta N.

    Per il simbolo però stanno a posto. Ho sentito uno che suggeriva un ciuccio, con una margherita in bocca, che cacava sotto una quercia, sullo sfondo di un sole ridente. Quanto a nomi, io sto di nuovo inguaiata per conto mio….un’altra criatura d’appellare. è maschio, ti viene in mente nulla?

Lascia qui il tuo commento


Creative Commons License