Suocero TV

by Diego Bianchi il 16 febbraio 2005 @ 23:29 / Tivvu' / 6 Commenti
Come alcuni dei lettori più antichi di questo blog sanno, il miglior critico televisivo in circolazione non ha un blog né una rubrica su un giornale, non compare in tv né in radio, si esprime per sentenze ma va letto tra le righe.
Mio suocero Michelino, con il quale in questi giorni, dopo un bel po' che non mi capitava, ho distrattamente visto alcuni programmi in tv, è fatto così, e il naturale dono della sintesi lo porta a dipingere le cose per quelle che sono, senza superflue contestualizzazioni o accomodanti panegirici. [...]
Per esempio, guardando Stranamore (suo programma preferito dopo le previsioni del tempo di Canale 5), dopo pochi minuti di lacrime sgorgate da una tizia che voleva rimettersi col suo uomo che era quasi morto ma che pur da quasi morto aveva capito che mentre era quasi morto la sua donna probabilmente si stava trombando un altro, Michelino è sbottato: “prima se fanno scopà dagli altri, e poi se mettono a piagne”, e tutti i torti, guardando il quasi morto che si stava per far riinfinocchiare dalla tizia che piangeva, non potevo dargliene.
Scolato il fragolino in compagnia, siamo andati a nanna, ma il telecomando è malandrino e l'inerzia ha fatto sì che anche la domenica mattina uno dei due accendesse la tv, bloccando un pigro e zoppicante zapping sulla diretta della partita del Cervia (impegnato in trasferta in quel di Faenza dove perderà 2-0).
La grafica, in alto a sinistra, proponeva un anomalo FAE-CER.
Mio suocero, attratto dall'evento ma ignorante del dettaglio, dopo qualche secondo di rimuginamento su quelle oscure 6 lettere mi ha chiesto perentorio: “Germania contro?“.
Nel pomeriggio non sono mancati pareri definitivi su Buona Domenica (“è la trasmissione dei frocioni”), e sulla verve della Ventura (“va va, sta colla camicia tutta aperta pe fa vedè le borracce… chissà chi se la fotte mo”).
Essere Aldo Grasso, in fondo, è facile.
Essere Michelino, no.
Facebook

6 commenti a “Suocero TV”

  1. In Michelino veritas.
    Che fortuna ad avere un suocero di questa posta!

  2. scritto il 17 febbraio 2005 08:23 da mp

    pensa che figata un critico così sul corriere al posto di grasso. “chissà chi se la fotte mo”.. “è la trasmissione dei frocioni” se fossi io il direttore non avrei dubbi (a propos, ma chi se la fotte mo la ventura?)

  3. scritto il 17 febbraio 2005 23:35 da SanVa

    La Ventura è oramai vecchia e piena di soldi, è passato il tempo di farsi fottere.

  4. Germania contro Fær Øer.
    Porta Michelino se torni a Cupra; già lo vedo dispensare perle di saggezza mentre gioca a briscola sotto l’ombrellone.

  5. scritto il 21 febbraio 2005 09:23 da lupina

    per me se la fotte sempre isso, quello sposato con issa di verissimo…

  6. scritto il 8 marzo 2005 02:26 da Wive

    Le donne con certi conti in banca, non fottono più realmente. Diventano asettiche, come un bancomat. Na passata e via

Lascia qui il tuo commento


Creative Commons License