Banhartotto

by Diego Bianchi il 15 settembre 2005 @ 13:23 / Canzonette / 21 Commenti
Il nuovo cantante che già fa e continuerà a far impazzire i blogger di tendenza si chiama Devendra Banhart.
Dopo averne ascoltato poche tracce tratte dal pur caruccetto disco appena recensito da Xelle, l'ho pensato subito. Trovarne menzione e downlodabilità nei blog di Petunia's nel nuovo del fu Quattropassi, è stata la prova provata di quella prima irrazionale sensazione.
Negli ultimi tempi, per mancanza di prodotti “giusti”, la credibilità delle competenze musicali dei blogger è andata di molto smorzandosi.
A cotale (bello cotale) preoccupante annacquamento d'immagine è ora possibile porre rimedio grazie a Devendra Banhart, che con il disco Cripple Crow va a colmare il vuoto lasciato da Damien Rice.
Ad onor del vero va detto che il disco in questione non è per niente accio, pur sembrando smaccatamente concepito come un prodotto ad uso e consumo dei blog italiani.
Un po' Damien Rice (appunto), un po' Manu Chao, un po' Lloyd Cole, un po' triste, un po' acustico, un po' beatlesiano in acido, un po' nerd scazzato, un po' rigazzino introverso, un po' primo della classe che non passa i compiti, un po' amicone barbone da registrare in mono, Devendra per salire vertiginosamente nel Google Ranking non avrà neanche bisogno di dover raccogliere 10mila firme.
Facebook

21 commenti a “Banhartotto”

  1. Apprezzo questo post come satira, non come recensione.

    No, no, no: musica autunnale non mi avrai. Quest’anno voglio essere reggae, world e dance fino a che non mi tocca mettere il giaccone pesante.

  2. scritto il 15 settembre 2005 15:11 da Mr.Brown

    Bello sì, cotale.

  3. scritto il 15 settembre 2005 15:22 da mimmi

    mi sa che mi piace

  4. Belle le recensioni del tipo “Sembra Jeff Buckley di ritorno da un viaggio in India o Damien Rice dopo aver inghiottito un posacenere.”

  5. scritto il 15 settembre 2005 17:11 da SanVa

    Passi pure Devendra il fricchettone, ma mi hai messo un link dove si fa menzione di tale Orenda Fink senza alcun preavviso. Qui chiamo in causa er Giamaica: anche alla satira ci deve essere un limite.

  6. scritto il 15 settembre 2005 17:19 da SanVa

    alla biografia che hai linkato si trova una interessante auto-definizione della produzione musicale dell’artista, genio della metafora: “That’s when I realized I could write about anything I wanted,” he adds casually. “It was like being constipated and then taking a suppository.” MTM regna!

  7. scritto il 15 settembre 2005 17:48 da zoro

    qui nulla è casuale, manco orenda, sapevo che qualcuno ne sarebbe stato colpito

  8. scritto il 15 settembre 2005 17:53 da amlo

    ma quello ormai devendra lo sanno pure le femmine, è tipo bitols. per far veramente arrazzare i bloggers ci vuole un bel gruppo norvegese di ricchioni anoressici che durante i live si cacano sotto. na cosa così.

  9. scritto il 15 settembre 2005 18:42 da SanVa

    io sono completamente preso da Devendra e dalle geniali informazioni linkate, hanno restituito il buon umore a una grigia ed anonima giornata. Pensa che non solo viene magnificato perche’ suonerebbe come un disco degli anni trenta (cioe’ come l’esordio degli Stones, all’incirca), ma il suo album uscito ad Aprile 2004 e stato votato come NEW YORK TIMES #2 Alternative Album Of 2002 !! Questo si che e’ un genio che sta indietro coi tempi come nessun altro.

  10. … e io che credevo che il disco più avanti del momento fosse l’ultimo della Rettore, sigh :-(

    ZS

  11. scritto il 16 settembre 2005 09:11 da cobra

    s.p.l.f. Amlo si riferisce ai Madrugada.

  12. scritto il 16 settembre 2005 10:38 da tatonno

    appoggio amlo, davandra oramai è roba blog-abusata. segnati i nuovi idoli di pitchfork: “clap your hands say yeah: s/t”, che come il davandra di cui sopra, mi fanno cadere i cojoni.

  13. scritto il 16 settembre 2005 17:39 da anto

    dopo trenta secondi di sto tizio mi è venuta la menopausa. Chi è che dice che è bbravo? Sput!

  14. scritto il 17 settembre 2005 17:08 da mp

    d’accordissimo. post che si sarebbe dovuto stampare e appendere nei quartieri cool di milano e bologna, affinchè la ggente capisse. tutto questo però nel 1926.

  15. scritto il 17 settembre 2005 17:23 da totonno

    1926 anno di fondazione del glorioso ciucciariello, non dimentichiamolo.

  16. devendra è stato la rivelazione 2004 di sentire/ascoltare mi sembra, ormai è assolutamente out.
    (qualcuno mi spiega perchè mtv tratta con favore i negroamaro?)

  17. scritto il 20 settembre 2005 17:06 da Sg

    Spero che tutti questi commenti siano ironici sul serio…
    Ma è possibile che qualsiasi cosa debba essere ridotta a OGGETTO alla moda o fuori moda, da fighetto o da poveraccio? Dire che un grande disco del 2004 è superato oggi è esattamente sancire la vittoria dell’INDUSTRIA del disco.
    P.s: Orenda Fink era parte delle Azure Ray, due cantanti poca elettricità e molta malinconia. L’ho conosciuta dopo un concerto a Roma, ragazzetta simpatica e carina :-)

  18. scritto il 20 settembre 2005 19:19 da zoro

    Bravo Stefano, giusto, sti commentatori so così, servi der sistema, lassali perde. Piuttosto, st’Orenda, davvero non è orenda? E come vive sta condizione d’Orenda? E a Roma come la trattavano? Facce sapè.

  19. scritto il 21 settembre 2005 09:20 da sg

    caro Zoro, Orenda è quella a sinistra, per servirla: http://www.azureraymusic.com/azure_ray_five.jpg

  20. [url=http://handbags.bz]Replica Handbags[/url][url=http://handbags.bz]Knockoff bags[/url][url=http://handbags.bz]Prada handbags[/url][url=http://handbags.bz]Louis Vuitton Handbags[/url][url=http://handbags.bz]Replica bags[/url][url=http://handbags.bz]Bags knockoff [/url][url=http://handbags.bz]Louis Vuitton Handbags replica[/url]Replica HandbagsKnockoff bagsPrada handbagsLouis Vuitton HandbagsReplica bagsBags knockoff Louis Vuitton Handbags replica

  21. Christmas is coming,would you want to show your love to your loved ones or your family by giving them a surprise gift of their portrait painting or oil paintings reproductions from master artists.If you are looking for the Handmade Oil Paintings with museum quality and best price,Paintingfrom.com is the best choice.All our paintings are 100% Handmade,oil on canvas,and we only use the Highest Quality Canvas.

Lascia qui il tuo commento


Creative Commons License