Oliviero Beha, segato Rai

by Diego Bianchi il 16 ottobre 2005 @ 16:11 / Glob / 7 Commenti

Quella che segue è una video-intervista particolarmente lunga (41 minuti consultabili sia in soluzione unica ad alta e a bassa qualità che a piccole dosi), ma quando le cose da dire sono così e così tante, quello del tempo non può essere un problema, non qui almeno.
Sono andato da Oliviero Beha un paio di settimane fa, nel suo ufficio di Saxa Rubra, in una stanza della redazione sportiva della Rai dove entra ogni mattina e dalla quale esce ogni pomeriggio, di solito senza aver potuto svolgere praticamente nessuna delle mansioni per le quali viene stipendiato.
Oliviero Beha è il più classico dei mobbati, un “segato Rai” messo a tacere, e di questo non fa mistero; ho incontrato un giornalista noto impossibilitato a svolgere il proprio lavoro, un censurato dal “palazzo” ma anche dagli stessi censurati, uno scorbutico cane sciolto per il quale trovare collocazione e mercato risulta, a dispetto di ogni merito, quasi impossibile. [...]
Nell'intervista abbiamo parlato di libri (il prologo del suo Crescete e prostituitevi è consultabile qui), tv, giornali, internet, blog, sport, primarie (per le quali è stato testimonial), sinistra, destra, e molto altro, facendo nomi laddove poteva aver senso farne, con franchezza e senza ipocrisie.
Ne è uscito un documento particolare, poco televisivo per certi versi, molto per altri.
Dipende da quale idea di tv si ha in mente.

In questo post è disponibile l'intervista completa, ad alta e bassa risoluzione.
Spezzettata (in 6 parti “a tema”) la trovate su Glob.

Buona visione

(I filmati sono in formato windows media. Se non hai windows media player, scaricalo qui)

Intervista completa
alta qualità

[152 Mb; durata 41.23]

Intervista completa
bassa qualità

[45.6 Mb; durata 41.23]

Facebook

7 commenti a “Oliviero Beha, segato Rai”

  1. Eccellente intervista, complimenti. Sono rimasto un poco sorpreso quando Beha ha detto che *paga due persone* per mandare avanti il suo blog…

  2. In tutto questo mi sono permesso di riportare un dialogo tra te e l’ex Giorgij Clunei del Bacchanalia. Parole che non potevano non essere trasmesse ai posteri. Se ci sono problemi di copirait…je nu teng manc na lir… :)

  3. scritto il 18 ottobre 2005 22:47 da Emanuele (ex giggino MS)

    Eh beh, quando uno è grosso è grosso. Ottimo e abbondante Zoro… Ne vogliamo di più (e vogliamo anche più direte di CSS)

  4. scritto il 20 ottobre 2005 17:50 da SanVa

    aspetti che passi pure da Celentano?

  5. Grazie. Molto interessante.

  6. scritto il 24 ottobre 2005 11:00 da v

    complimenti per l’intervista, me la sono vista tutta ed è stata interessante anzichenò. bravo.

  7. Trovo che la vita in Occidente stia diventando sempre più intollerabile.

Lascia qui il tuo commento


Creative Commons License