Silvio, Pelù e gli Aristogatti

by Diego Bianchi il 15 marzo 2006 @ 08:35 / Cose_Nostre / 5 Commenti
Sintetizzando:
 
Berlusconi
- Scarabocchia in maniera inquietante, come quella tizia che da Costanzo prevede il futuro trascrivendo le parole del marziano amico suo. Lo sguardo è basso, però non ha più la chierica e se lo può permettere. Esordisce sforando col tempo, continua sforando ad ogni risposta, come Anna Oxa a Sanremo. Regole 0 come Pelù, però canta meglio.
Sulla difensiva, si perde tra numeri e mali del comunismo, fino ad ammettere le proprie difficoltà a sostenere confronti alla pari, segnando il momento più basso e al tempo stesso più alto della sua partecipazione.
- Frase cult: “Mi stropiccio gli occhi e le orecchie“.
Danni potenziali per migliaia di euro. [...]

Prodi
- Parte ingolfato, ma dice la metà delle parole dell'avversario, scelta o limite premiante quando si parla di cose delle quali il 70% di chi prova a seguire non capisce un cazzo.
Insiste su unione e felicità, giovani e insegnanti, donne e futuro, diffondendo ottimismo, più di Berlusconi. Imprevedibilmente pugnace.
- Frase cult: “Bertinotti è un uomo d'onore“.
Dal porgere l'altra guancia al rischio di porgere nuovamente il culo.

Mimun
- Eroico lacchè, costretto a tarpare il proprio leader di riferimento invocando il rispetto delle regole; schiena timidamente dritta in prossimità dei time-out, non dovrebbe bastare a riposizionarlo.

Giornalisti
- “il cuneo fiscale” come tema della prima domanda manda svariati milioni di spettatori a vedersi l'Inter (ma l'Inter li rimanda presto da Prodi e Berlusconi).
L'argomento a piacere è una delle domande più appassionanti.

 
 
Anita
- Sfascia il televisore piccolo mentre i due contendenti parlano di donne, scaraventandolo al suolo nel tentativo di mettere in pratica una vera lotta di classe agli Aristogatti in programmazione come diversivo al confronto pre-elettorale.
Autonoma, pure troppo.
Facebook

5 commenti a “Silvio, Pelù e gli Aristogatti”

  1. scritto il 15 marzo 2006 09:49 da delta nn

    Pure mia nipote di 2 anni: “Bellucconi no lo voio, è butto. Mandalo via”.

    tesoro, aspetta, tempo un mese e ce lo leviamo dai cog…hem dalle scatole :)

  2. scritto il 15 marzo 2006 14:33 da aa

    grazie della segnalazione sulla rassegna-blog di exite. :)

    aa

  3. hai dimenticato “un nostro orgoglio: siamo il paese europeo con meno immigrati!”
    me cojoni, direi.

  4. Berlusconi fatte n’antra lampada!

  5. “L’EVOLUZIONE DI UN UOMO” dalla preistoria delle tasche vuote al mondo attuale delle multinazionali, sfruttando i media con i NO-Profit !

Lascia qui il tuo commento


Creative Commons License