Sono stato a Tocque-ville

by Diego Bianchi il 20 marzo 2006 @ 13:31 / Glob / 7 Commenti
Per lo Speciale Elezioni di Excite e per curiosità 
personale sono andato ad intervistare Andrea Mancia, il creatore di Tocque-ville, aggregatore di blogger di centro-destra in costante crescita (circa 710 i blog aggregati) di cui tanti blogger conoscono l'esistenza ma del quale pochi fra coloro che non ne fanno parte cercano di capire le dinamiche, le esigenze, gli scopi.
Grazie ad Inyqua (che ho finalmente conosciuto) son venuto a sapere che venerdì 17 quelli di Tocque-ville si sarebbero incontrati per la prima volta, in un ristorante del centro di Roma; mi sono “accreditato”, ho fatto la video-intervista a Mancia e ho sentito gli interventi del pre-cena, con Marco Taradash, Mario Sechi, Arturo Diaconale e altri ”aggregati” più o meno noti a parlare di blog, in quanto blogger.
Il tutto è riassunto nel seguente video di 25 minuti circa, 20 d'intervista ad Andrea e 5 di estrema sintesi del resto. [...]
 
video-intervista con Andrea Mancia
(.wmv, 28.4 Mb, durata 25.50)

Nell'intervista si è parlato di: nascita di Tocque-ville, aggregatori umani, teocon e  radicali, scazzi interni e con l'esterno, Indignato Adinolfi, disclaimer e Bobbio, sottotitoli di Lost e messaggi subliminali, Kilombo e difficoltà aggregative della sinistra, blogstar di sinistra e coda lunga di destra, partito unico di qua e partito unico di là, statura dei candidati premier nel senso dell'altezza, blog preferiti a sinistra, dichiarazioni di voto e molto altro.

 
Quelli di Tocque-ville, a prescindere da come andranno le cose il 9 e 10 aprile, hanno progetti per il futuro, o così sembra: Diaconale vuole portare su l'Opinione l'esperienza dell'aggregatore, Taradash ne rivendica il ruolo nella “costituente liberale”, il tutto mentre si pensa all'organizzazione di seminari di formazione politica per i “tocqueviller più giovani”.
Insomma, a Tocque-ville ragionano in prospettiva, e sarebbe opportuno che chi non la pensa come loro cominciasse a prenderne atto (se non esempio).

 

Facebook

7 commenti a “Sono stato a Tocque-ville”

  1. Hai fatto un post che è esattamente come mi aspettavo…Sei una persona intelligente…La trasversalità è possibile solo fra persone intelligenti del resto…

  2. A parte le imbarazzanti occhiaie dell’intervistato… mi sembra davvero un ottimo lavoro :)

    a.man.

  3. Siccome devi sdebitarti (!!!) vieni nel mio blog che ho trovato il modo di farti confessare quello che già so: che hai tutti i vizi…

  4. scritto il 21 marzo 2006 00:44 da SanVa

    Ah! Non ti abbastava di essere metrosexual, mo me devi diventa’ pure trasversale.

  5. scritto il 27 marzo 2006 13:23 da gegen

    MAH….

  6. scritto il 27 marzo 2006 13:27 da Kropp

    ROTFL

  7. scritto il 27 marzo 2006 13:54 da Tilli San

    I don’t agree…

Lascia qui il tuo commento


Creative Commons License