Il riscatto

by Diego Bianchi il 28 aprile 2006 @ 06:57 / GrandeFratello / 13 Commenti
I giornalisti bravi all'1 di notte hanno già finito il loro pezzo, l'hanno preparato in anticipo e aggiustato poi quel che basta per far capire di aver visto un po' di finale. I giornalisti bravissimi magari di pezzi se ne sono preparati addirittura 3 diversi, uno per ogni possibile vincitore.
Ci ho pensato pure io a portarmi avanti col lavoro, anche perché di Fabiano, Filippo e Augusto quel che dovevo dire ormai l'avevo detto e ipotizzare scenari non mi sarebbe stato complicato; ma poi il dilettantismo ha prevalso, e di pronto avevo solo il titolo, per giunta sbagliato, perché m'attendevo il peggio: “Nel nome del Padre, Pio tutto”.
Ma ha vinto il meno peggio, di poco, ancora una volta.
Ha vinto Augusto, secondo Filippo, bronzo a Fabiano.
Contro ogni personale pronostico che vedeva nel trionfo del piagnonismo estremo dei due furbetti la deriva inevitabile del pubblico da reality, ha vinto il più normale, quello che non piange se parla col padre, che non urla se vince, che si dichiara calcolatore e giocatore forse anche perché più allenato dal destino ad un gioco come questo. [...]
Che poi a me De Megni all'inizio stava molto sul cazzo. Entrato da raccomandato dopo aver concesso un'endemoliana intervista a Minoli nella quale si candidava al GF, dopo aver vinto un finto ballottaggio con un sardo colpevole solo di essere sardo e già un po' più anonimo di Augusto, De Megni aveva tutte le carte in regola per farsi detestare per 3 mesi. Ma poi ha fatto la persona civile, intelligente quel che bastava per sembrare una cima al cospetto degli avversari, dignitoso quel che serviva per non doversi vergognare una volta fuori, paraculo il giusto per farsi votare e vincere.
Il riscatto di un paese che ambisce a diventare normale forse comincia anche da qui, da un brutto reality vinto dal meno brutto dei rimasti, da un riscatto pagato in televoti sonanti del valore di 900mila euro. A tifare per il meno peggio mi ci sto abituando in fretta. Oggi, per esempio, sono un fan di Marini.
QUELLA COSA
Non so quale sia al momento il numero idoneo di morti per stoppare lo show che must go on, di certo c'è che per porre il problema i morti devono almeno essere italiani, altrimenti non se ne parla neanche. “Ci sono state le vittime di questa cosa a Nassiriya, ma lo spettacolo deve andare avanti”, esordisce Marcuzzi sbrigando la formalità; di certo c'è solo che in tempi di guerra di pace per far vacillare una finale di GF ci vuole ben altro e che 3 italiani morti + un rumeno morto lo show che va on li rumina senza difficoltà, in scioltezza, soprattutto il rumeno, del quale non frega niente a nessun TG, e non c'è ragione per cui dovrebbe occuparsene il GF.
LA PUNTATA
Liorni sopra il tetto della casa, Tommy Vee al mangiadischi, FabianoFilippoAugusto con le mutande leopardate del Piotta per fare TarzanVianello a Valeria Marini puntata sui tacchi nel fango, Liorni fa l'urlo di Tarzan con una scimmia di peluche nel culo, V.Marini schifa Fabiano e non gli dà il bacetto, 3 Paparotti in playback incipriati da Bocelli, video Augusto e Filippo dicono che il 25 aprile è la festa della madonna, video Fabiano che vuole menare Augusto perché non ha capito una cosa su Padre Pio, Fabiano che dice ad Augusto “se vinci il gf tu per me l'italia non ci capisce un cazzo”, Tommy Vee fa l'inchino a mani giunte e si batte i pugni contro il petto, Fabiano arriva terzo, rosica e si batte le mani sul petto, Ayda Yespica muove petto e culo e lecca la panna sulle recchie di Fabiano incatenato, Fabiano esce, urla, ammucchia e dà bacetto a Liorni che si pulisce, coriandoli e fuochi d'artificio, Marcuzzi dice che l'Italia è un paese spaccato, bella zio, bella zio, Augusto vince, inquadrata Eleonora, Filippo rosica, Danilo abbandona lo studio in segno di triccheballacche, rauti, miccette, bombe di Maradona e lacrimogeni, Filippo dice “maa pio sempre nder culo”, Alex Britti stecca mentre Filippo fa lingua a lingua con Simona, pioggia di petali di rosa, Platinette porta polpette salate per fare uno scherzo, i genitori di Filippo recitano a letto malati con Simona che fa l'infermiera zozza per fare uno scherzo, nessuno capisce lo scherzo, Platinette bofonchia e cerca le battute dello scherzo, Filippo esce e urla e scafona e se spoglia e fa Rambo e fa la mitraglia appena entra in studio e nella clip parla di guera e pure se non è il giorno più adatto chissenefrega, Filippo si batte il pugno sul petto, bella zio, Collovati si fa parare un rigore da Augusto, inquadrata Eleonora, Antognoni e Graziani segnano, Augusto fa l'autografo a Collovati, inquadrata Eleonora, Augusto esce e passeggia sereno, inquadrata Eleonora, Augusto stravince in studio, sfanculata Eleonora, il GF finisce.
Tutto questo in quasi 4 ore.
MOVIOLA SU GIGI
Ma rivediamo alcune immagini.
Fabiano in studio vuole chiedere scusa al fidanzato di Laura per i suoi eccessi, chiama Gigi ma il calciatore disoccupato non si trova, Marcuzzi dice che Gigi non c'è, non esiste, Laura non dice niente, insabbia imbarazzata fino al momento in cui una smicrofonata voce da lontano richiama l'attenzione. E' Gigi, appollaiato all'ultimo anello dello stadiostudio, seduto in disparte, senza riflettori ad illuminarlo, lontano dalla sua donna, privato financo della panca che si deve ai parenti e agli amici, irrimediabilmente solo, come Luis Silvio alla Pistoiese, come Zahoui all'Ascoli, come un giocatore in ritiro al Ciocco.
Di lì a poco Augusto, già proclamato vincitore, viene chiamato a parare i rigori di Graziani, Collovati e Antognoni. Ora, se è vero come è vero che non è da questi particolari che si giudica un giocatore, perché non far tirare un rigore anche a Gigi? Perché tanta crudeltà verso una delle persone che più si è sputtanata nella storia del GF? E visto che parliamo di crudeltà, perchè Graziani nell'84 tirò un rigore in curva lacerandomi la vita e oggi che non me ne frega un cazzo spiazza Augusto come non fece con Grobbelaar? E' anche da questi particolari che si giudica un reality.
MARCUZZI
“Eravamo prigionieri senza scampo, destinati ad invecchiare dursici, senza possibilità d'alternanza, desiderosi di ribaltoni, almeno qui, almeno nella casa del Grande Fratello. Alessia Marcuzzi è la seconda repubblica del reality, la Zapatera che mantiene le promesse, il nuovo miracolo italiano, quello che vi pare.
Si tratta solo di capire quanto ci metteremo, anche nel reality, a tornare democristiani.”
Questo ho scritto dopo la prima puntata, pieno di aspettative, alla ricerca di certezze. Brava all'inizio, monocorde poi, noiosa spesso, con improvvise e forse fisiologiche cadute di stile, personalità soppressa, succube degli autori, Marcuzzi in questo GF non ha fatto niente di speciale, e questo è stato il suo pregio e il suo difetto al tempo stesso. Rimanere svegli non sempre è stato facile e a tal fine la cafonaggine di PierFida può molto, ma rimpiangerla sarebbe una depravazione eccessiva.
LIORNI
Non voleva farlo quest'anno, poi l'hanno convinto ed è andata come è andata. Apparentemente libero di volare Liorni è rimasto più o meno dov'era, forse illuso dalla conduzione di un extra-time live insostenibile e dall'anonima compresenza nel talk show del sabato con la triste Capua. L'usciere del GF continua a non farsi troppe seghe mentali, a prendere quel che capita, anche se gli capita più o meno sempre la stessa roba. La colpa di una situazione arida di sbocchi è di chi non crede in lui, ma un po' pure sua che sembra contento così, incurante del fatto che a finire come Mastrota ci si mette poco. Vederlo primeggiare solo nelle televendite mi dispiacerebbe.
GLI ALTRI
Mesi e mesi di casting hanno prodotto, salvo rare eccezioni, un bizzarro risultato: concorrenti sbagliati, contorno azzeccato.
Dico questo perché i momenti più belli di questa edizione sono tutti da attribuire all'esterno della casa, a chi stava fuori più che a chi partecipava, e non sempre al GF se ne sono accorti. Il potenziale di questa edizione farlocca è stato tutto nel parentame, nei tifosi, negli amici, in quella fauna ai margini della telecamera che spera o teme di vivere della luce riflessa dei propri concorrenti di riferimento, nelle fidanzate lasciate dal concorrente, nei fidanzati lasciati dalla concorrente, nelle fidanzate cornificanti il concorrente, nei fidanzati promessi sposi e senza squadra, nei genitori che scazzano con le ex fidanzate, nei genitori che si rifiutano di guardare la figlia in tv perché se ne vergognano, nei genitori adottivi che temono il ritorno dei genitori naturali, nei genitori naturali che ritornano a rompere le palle a quelli adottivi, nelle mamme che arrivano dalla Cina, nelle mamme e nelle nonne che pregano, nelle mamme e nelle nonne che non avranno una cappella nuova di zecca per pregare più comode, nei concorrenti segati sull'uscio, nei Minoli che raccomandano, nei pullman di figuranti da Scampia, e pure un po' nei blogger che scrivono e che vengono risucchiati dal televisore.
A proposito.
IL MIO GF
Dopo la prima puntata mi arriva una mail da Francesco detto Vitellozzo, GF5, che mi fa i complimenti per i miei pezzi; ci sentiamo al telefono, è il primo concorrente che mi contatta personalmente e non s'incazza, mi fa piacere. Vengo a sapere che lui è il presidente della squadra di calcio del GF, fanno partite che nessuno promuove, per beneficenza.
Il giorno dopo mi chiama Guido il bestemmiatore, che mi dice che è un segato ma fa tante cose tipo commentare per una tv toscana il GF in poltrona davanti alla TV o scrivere romanzi che sta per presentare al salone di Torino e che comunque ha già pubblicato un libercolo sulla sua esperienza di bestemmiatore. Gli dico che mi piacerebbe intervistarlo, gli mando (con ritardo) un po' di documentazione su chi io sia, e così come è apparso, Guido sparisce.
Contemporaneamente Liorni mi invita ad entrare nello schermo, presenziando in qualche modo al GF. Quest'anno Liorni può allargarsi, ha spazio e manovra autoriale e mi propone, in sostanza, di andare a fare l'opinionista blogger fuori dalla casa. Barcollo un po', il contesto e l'insicurezza nei miei mezzi pongono più di qualche dubbio, non l'ho mai fatto, non voglio fare la parte del fratello o del cugino di qualche concorrente, avrei pochi infiniti secondi a disposizione per dire qualcosa di sensato e farlo capire, risultando credibile, immerso fino al collo nel popolo dell'inquadratura.
La trattativa è lunga, Excite non si può nominare, nick, nome e cognome neanche, blogger sì, Diego forse, boh, Liorni mi fa presente che “pare di decidere le clausole della partecipazione di Madonna”. Non ho motivo per dire di no ad andare a dire ciò che penso, rompo gli indugi, vado, sono parte del copione, i cameraman vengono istruiti sul momento in cui verrò interpellato, dico quello che penso, Marcuzzi mi scrittura in diretta, il giorno dopo faccio la cronaca di quello che ho visto, Fabio Canino cita in radio il mio intervento, il blog fa il record di visite. Dopo due settimane vengo di nuovo invitato, a poche ore dalla diretta, tema libero; perplesso vado, gli autori mi salutano quando mi vedono, le comparse pure, Liorni è contento e mi fa fare pure i pronostici in diretta e seccare Franco col pronostico, come poi avverrà, in quel momento sembra cosa da intenditori. Ormai faccio parte della famiglia del GF, sul blog tanti complimenti, più d'uno è perplesso, qualcuno m'insulta, temevo peggio.
Poi mi prende una strana sensazione: va bene, questo l'ho saputo fare, però mi sento un po' a disagio là fuori, non sempre si può dire qualcosa di più sensato o di diverso da quanto direbbe un Rostagno o una Torrepadula qualsiasi e lo faccio presente a Liorni, con una mail. “Non farti troppe seghe mentali”, mi consiglia lui, “io ero come te, prendi quello che viene”. Mi intervista il Messaggero come il blogger che è finito a fare l'opinionista al GF (intervista che non vedrà mai la luce) e Francesco intanto mi fa chiamare da altri concorrenti: mentre faccio la spesa mi telefona PRnato e lo accanno momentaneamente per richiamarlo poi, ma mi risponde Lucio che mi fa “bella zio, se vuoi prendermi per il culo fai pure”; gli dico “già fatto, comunque grazie, c'è Prnato?” Parlo col dottore, ci mettiamo d'accordo due volte per un'intervista che “l'intevesse a venive da te è tutto mio”, ma non verrà e io dopo due tentativi non lo cerco più, che l'interesse, appunto, era il suo e quindi sticazzi.
Passano le settimane e mi ricontatta Liorni, proponendomi qualcosa di nuovo, di visivo, teoremi da dimostrare, oggetti e lavagnette, varie ed eventuali, spazio per la fantasia. Sono più scettico della prima volta ma non dico no a priori, faccio solo presente che qualsiasi teorema andassi a dimostrare avrebbe quasi certamente, ad una settimana dal voto, una qualche pertinenza politica. Da quel momento, come prevedibile, fine dei giochi.
Ho tirato la corda e me la sono cercata, nonostante Liorni con me sia stato sempre gentilissimo, e va bene così.
Finire in tv per quello che scrivo è stato molto gratificante, ma non era previsto. Scrivere del GF mi ha dato tante soddisfazioni, ma stavolta è arrivato il momento di smettere.
Qualche partita con la nazionale del GF, invece, la voglio fare, mi spetta, magari insieme a Liorni; dopo tutti questi anni di Grande Fratello ne ho più diritto io di altri.
Facebook

13 commenti a “Il riscatto”

  1. scritto il 28 aprile 2006 10:55 da tita

    ma quelli del GF lo sanno quanto sei forte a pallone?
    Tornero’ a fare il tifo !!!!! ciao bacio

  2. Vabbeh, ci si vede l’anno prossimo allora :-)

  3. scritto il 28 aprile 2006 12:45 da alessandra

    TE SE EL NUMER VUN (=SEI IL NUMERO UNO)…MA COSA FARO’ ADESSO IN UFFCIO AL VENERDI’ MATTINA, SE NO ATTENDERE LA CRONACA SETTIMANALE???!!!
    CIAO, CIAO.

  4. scritto il 28 aprile 2006 13:10 da MYRIAM

    EH NO ZORO NON CE POI ACCANNA’ COSì, NON PUOI MINACCIARE LA TUA DIPARTITA AI COMMENTI DEL GF, E ALLA SETTIMA EDIZIONE CHE FACCIAMO NOI? SONO UNA DEI TANTI CHE IL VENERDì NON VEDE L’ORA DI LEGGERE I TUOI COMMENTI (TROPPO TROPPO MA TROPPO BELLI E SEMPRE IN SINTONIA CON QUELLO CHE PENSO IO, COMPRESA LA VITTORIA DEL MENO PEGGIO AUGUSTO E LA SCONFITTA DEL CECCANESE COATTO)QUINDI DAI, FACCI UN PENSIERINO. GIà LI HAI ABBREVIATI RISPETTO AGLI ANNI PRECEDENTI MA VA BENE LO STESSO, ANCHE STRINGATI I CONCETTI SONO SEMPRE AZZECCATISSIMI, DAI SU CONTINUA COSì MA NON PRIVARCENE TOTALMENTE!
    CON INFINITA GRATITUDINE X TUTTE LE PERLE CHE CI HAI REGALATO ANCHE QUEST’ANNO!!!
    MYRIAM, LAURA, BETTA, SILVIA, ILARIA E FRANCY.

  5. scritto il 28 aprile 2006 13:30 da Victor

    Il gf senza zoro è come la pasta al pesto…senza il pesto!
    E poi anche lo scorso anno promettesti di interrompere le tue cronache, ed invece sei ancora qui, scoppiettante e frizzante come sempre.
    Sei grandissimo.
    Un saluto da un tuo fedelissimo fan

  6. scritto il 28 aprile 2006 15:04 da Asia

    Ebbene è finita anche questa eh… anche se personalmente romantica come sono speravo vincesse Filippo così poi poteva regalare un diamante da 900milaeuro a Simona… ehehheh scherzo scherzo, ma Augusto, benchè lo consideri x certi aspetti sicuramente il meno peggio, non mi è mai stato troppo simpatico.
    Detto questo la Marcuzzi mi è sicuramente piaciuta e non c’è storia a paragonarla con la D’urso, una delle donne televisive più irritanti che conosco.
    E Liorni, Liornuccio merita sicuramente di più, chissà se il prox anno lo vedremo primo conduttore??!
    In ogni caso il prox anno nn so cosa mai potrebbero inventarsi questi autori gf x andare avanti…
    non so magari un’edizione di soli Blogger….!!!!
    ;) )
    Baci Zoro, e io lo so che il prox anno ti ripija uguale a te…
    :)
    Asia
    ps. nn riesco proprio a ricordarmelo…ma chi è Francesco???
    giuro… :) )

  7. scritto il 28 aprile 2006 16:44 da Sibilla

    Ma come, Zoro, ti sei perso la Marcuzzi che ha nominato il “Punto G” di Platinette!!! E poi ha fatto pubblica ammenda, che voleva dire il “Punto GF”. Mi aspettavo un tuo illuminato commento!! Alla prossima, ci conto!!

  8. scritto il 28 aprile 2006 22:22 da delta nn

    ma qui si sta tacendo sul delizioso completino rosa confetto del prode daiego… quand’è la prossima partita?

  9. scritto il 29 aprile 2006 01:32 da Michele

    Io darei retta a Liorni,prendi quello che viene.Se ti interessa questo mondo dal di dentro,”visitalo” e poi parlane nel blog,o sfrutta questaa esperienza come meglio credi.
    Tornando al GF:non ha più senso,è diventata una messa cantata senza sorprese ed emozione…complimenti Zoro!

  10. A parte che, secondo me, l’anno prossimo il GF non lo fanno… a Zò vedi de inventatte qualcosa pè i mondiali!

  11. scritto il 2 maggio 2006 12:03 da Chris

    Bravo, scrivi da Dio. Ti leggo sempre. Ciao.

  12. Dissento sulla pasta al pesto di qualche commento fa. La pasta al pesto senza… il pesto è veramente più buona della pasta col pesto.
    [Ste]

  13. scritto il 5 maggio 2006 12:09 da gabbroski

    la maja del palermo sette giorni su sette.

Lascia qui il tuo commento


Creative Commons License