Knocking on wood

by Diego Bianchi il 29 gennaio 2008 @ 00:15 / Cose_Mie / 6 Commenti
Ad inizio anni 80 venni devastato dalla break dance.
Ricordo che mi ci comprai anche dei manuali per impararne i passi principali, ma nonostante una discreta predisposizione al ballo, una vaga somiglianza con il Michael Jackson nero e il Prince purple e una dose di ritmo nel sangue superiore alla media, più in là di qualche passo di moon walk non andai.
Già la mossa della scossa elettrica, l'abc della break dance, mi veniva poco naturale, con mio grande rammarico.
Ritenendo l'improvvisazione una risorsa fondamentale, anche ad inizio anni 80 non mi rassegnavo all'idea di non saper gestire separatamente ogni singolo muscolo del mio corpo e di conseguenza mi dilettavo in acrobatici balli domestici ad uso e consumo di me medesimo e dei miei genitori occasionalmente di passaggio davanti alla mia camera. [...]
Un bel giorno l'audience aumentò grazie alla visita degli zii di Cupra Marittima, i quali, prima di cenare, furono caldamente invitati ad assistere ad una personale performance danzereccia sulle note del mio riempipista preferito, Knock on wood cantata da Amii Stewart, che con la break non c'entrava niente, ma a me piaceva tanto.
La musica partì e le mie evoluzioni ebbero inizio, gli zii non battevano il piede a tempo ma gradualmente entravano nel groove, mamma e papà assistevano defilati e complici, insomma, tutto filava liscio, fino al tonfo.
Tentando una verticale le braccia si piegarono, cedettero, diedi una forte craniata sul parquet, knockai on wood, a ritmo ma con dolore.
I presenti ammutolirono, Amii Stewart no, io mi rialzai prontamente, fingendo che fosse tutto parte della coreografia, che noi breakdancer facevamo di questo e di peggio, ma poi il dolore ebbe il sopravvento e m'accasciai in lacrime sulle gambe di mia madre.
A tutto ciò ho pensato oggi quando ho visto questo fantastico video.
Certo, questa è una professionista, io ero un dilettante, questa ha rischiato la morte, io solo un ficozzo, questa magari è una che recita, io facevo sul serio, a lei il wood è cascato in faccia, io il wood l'ho preso a capocciate, questa sotto l'armadio pensava a YouTube, io mentre piangevo da mia madre pensavo di essere un cojone, ma in qualche modo, per mille ragioni, ha tutta la mia comprensione.
Facebook

6 commenti a “Knocking on wood”

  1. E’ stata un pochetto cretina eh…a me ha fatto molto ridere :)

  2. Ah, quando c’è l’arte…

  3. scritto il 29 gennaio 2008 09:52 da Anonimo

    sta a vedere che anche zoro all’epoca avrebbe fatto il provino per la defilippi

  4. scritto il 29 gennaio 2008 14:31 da Claude

    Domanda davvero ingorante, mi rendo conto.. ma… ehm… mi chiedevo… le video-cronache del gf non le fai più?.. :-(

  5. Una vaga somiglianza con MJ nero???Maddeché??Dopo sto post si capiscono un po’ di cose…

  6. scritto il 31 gennaio 2008 22:35 da delta nn

    ahahahahah….a parte che questo video è spettacolare ed era già tra i miei preferiti. però è a pensare a te che fai il moon walk che proprio sono motta. :)

Lascia qui il tuo commento


Creative Commons License