Faticatori di tutto il mondo

by Diego Bianchi il 9 settembre 2010 @ 23:21 / Tolleranza_Zoro / 12 Commenti / Tags: , ,

Di Pomigliano e referendum, di Fiat e Fiom, di sì e no, di poveri in guerra e in cassa integrazione, di fabbrica, catena e fatica, sulle facce di chi entra, sulle facce di chi esce, sulle facce di chi lotta.
Questo e molto altro in questa seconda e ultima puntata dell’edizione estiva di Tolleranza Zoro.
Senza commenti né copione, senza musiche o effetti speciali. Quello che è successo e basta. E avanza.
Buona visione.

Facebook

12 commenti a “Faticatori di tutto il mondo”

  1. [...] comunque e finalmente, Diego ha deciso di mettere le mani sul girato, e ha pubblicato su YouTube due video per la seconda puntata dell’edizione estiva di Tolleranza Zoro. Quella che io avrei chiamato summer edition ma Diego c’ha una idiosincrasia patologica per [...]

  2. scritto il 10 settembre 2010 13:22 da Night

    Bello eh.
    Però quando ci sono 2 minuti in dialetto non è che potresti mettere i sottotitoli?

    Non è una provocazione ma c’è chi non lo capisce. E rimane con l’amaro in bocca di essersi perso qualcosa.

    Ciao!

  3. scritto il 10 settembre 2010 13:46 da david

    Testimonianza di grande efficacia di un momento che segnerà la storia del movimento sindacale.

  4. scritto il 10 settembre 2010 13:49 da miriam

    Semplicemente eccezionale ed anche equilibrato nel raccontare e riportare le voci anche difformi di una forse evitabile sconfitta collettivaa

  5. scritto il 10 settembre 2010 15:04 da marion

    Hai perfettamente ragione Diego, non c’è bisogno di commenti o colonna sonora per rendere la tensione ed il senso di rassegnazione profonda che traspaiono da questa vicenda. Comunque grandi, anche se vittime consapevoli, tutti i protagonisti, a prescindere dalla scelta fatta e grande tu, come sempre, nel farci vivere questi momenti. Grazie!

  6. scritto il 11 settembre 2010 15:14 da alex

    Documento di rara efficacia. Veramente eccezionale. Bravo

  7. scritto il 11 settembre 2010 18:47 da mirko

    Mi associo ai complimenti, un gran bel lavoro come se ne vedono pochi.

  8. scritto il 15 settembre 2010 09:47 da Rocco Sicoli

    Ottimo lavoro come sempre! Diego ti “sto cercando” per mare e per monti! Fatti sentire, che ti vorremmo in Calabria! Il 25 settembre c’è un’importante manifestazione anti-ndrangheta di cui nessuno parla, almeno tu supportaci (e sopportaci). Un abbraccio e ti aspettiamo presto!

  9. Non ho capito che te manca.. la gente che te segue c’è.. l’idee pure.. i nemici non mancano..
    MA CHE CAZZO ASPETTI A CANDIDATTE

  10. P.S. scusa per la scurrilità ma sto ancora tutto scosso dal video sulla manifestazione a roma degli Aquilani.. cmq la politica non cambia piano piano.. soprattutto se è un sistema viziato e corrotto alle basi.. e noi italiani n’se incazzamo più come dovremmo.
    Pensiamo che si può cambiare qualcosa solo con la ragione.. il problema è che per ragionare con chi detiene il potere devi diventare qualcuno.. e per diventare qualcuno devi scendere a compromessi altrimenti tra mobbing e propaganda negativa ti segano le gambe prima che te toji le scarpe nell’auto blu..e na vorta che te sei fatto un “tu sai che” come un secchio pe avè un po de voce in capitolo non vai a fa lascia o raddoppia.. altrimenti sei solo uno che pe una settimanella ha detto qualcosa al tg delle 14:00 mezzo tajato col servizio uscito male e col digitale terrestre che, in quel momento proprio, fa storie.
    Se questa è la politica.. classica , moderna, futuristica.. mejo l’anarchia.. o la monarchia.. me sembra una soluzione rosea anche l’imperatore di guerre stellari.. basta che sta mandria de porci (appellativo dovuto alla loro capacità de MAGNASSE TUTTO) la smette de guidà il paese come un ubriaco.
    Anche un nuovo paradigma per la vita sociale.. o politica.. ad esempio dei PROFESSIONISTI che si occupino dei vari e specifici settori.
    Qualcuno che sappia di cosa parla e di cosa ha bisogno quella categoria che amministra.
    No come in Baària (di Tornatore ) dove l’assessore all’urbanistica è cieco e decide se il progetto va bene o no in base a quanto pesa la bustarella che je ficcano in tasca…
    Se pensi “beh è così che dovrebbe essere.. ma i furbi stanno ovunque” allora smettiamola di dargli
    armi (soldi) e fiducia (voti).
    Il voto oggi come oggi è un mezzo illusorio.. e i vantaggi che si hanno dall’utilizzo di questo mezzo sono spesso minori degli svantaggi .. un po come il nucleare…e allora perchè non proviamo a rinunciare a questo sistema politico come abbiamo fatto col nucleare?..(dato che grazie al sistema politico e al modus vivendi occidentale supportiamo il nucleare in francia comprando elettricità da loro senza contare che stanno sul nostro stesso pianeta..) …

    Io ho paura Zo..
    non voglio arrivare a un punto di rottura..
    e se questo punto di rottura deve esserci deve esserci adesso..
    perchè mio figlio un giorno non debba farlo al posto mio che non ho avuto le palle di ribellarmi.

    Uno che non ha mai votato…

  11. scritto il 22 settembre 2010 14:31 da ale

    Ottimo, come sempre.

    Mi associo però alla richiesta di sottotitoli per le parti in dialetto

  12. scritto il 6 ottobre 2010 18:41 da angela

    sei forte!!!!

Lascia qui il tuo commento


Creative Commons License