Miraruby

Di Mirafiori e Ruby, di studenti e operai, di Marchionne e Berlusconi, di intecettazioni, servi e puttanai, di festini e referendum, di diritti e dignità, al centro della storia, come un palo di lap dance.
Questo e molto altro nella sessantasettesima puntata di Tolleranza Zoro, la nona per la nuova edizione di Parla con me, in versione di circa quattro minuti più lunga rispetto a quanto andato in onda.
Buona visione.

Facebook

26 commenti a “Miraruby”

  1. sempre impeccabile. Paradossalmente quello che mi ha fatto ridere di piùdi più è stato quasi alla fine quando il liftato ha detto “tutto si è sempre svolto all’insegna della massima eleganza”…

  2. ahahahah tra silvio, fede e mora qualcuno l’uomo lo doveva fare!! :D

    terrificante.

  3. ma vogliamo parlare del trolley da bambina che cade davanti al Caimano?

  4. scritto il 23 gennaio 2011 15:02 da Elio Malloni

    “Puro li nummeri ciànno un senso!”… Er nano pseudopreggiudicato sò anni che sta a dà li nummeri e ancora ciavemo tanta gente che je dà retta… E qui bigna da tirà giù ‘na bella bestemmiona (però… è contestualizzata)… Elio, detto: Manico d’ombrello

  5. scritto il 23 gennaio 2011 17:57 da Valerio

    Il fatto è che tu fai ridere e spieghi le cose come cristo comanda, la parte triste è che per come siamo messi “non ci resta che piangere…”!!!
    Grande sempre e comunque Zoro

  6. scritto il 23 gennaio 2011 19:10 da Azzurra

    Sei il mio mentore

  7. Una bellissima puntata. Sei riuscito a mettere insieme la spontaneità e dignità degli studenti e degli operai, chiamati a far politica, con la fiction che da 15 anni ci governa producendo disastri. Grazie!

  8. scritto il 23 gennaio 2011 21:17 da giovanna emma pavesi

    Sei sempre perfetto e tagliente!grande!

  9. [...] Shared Miraruby. [...]

  10. Commovente.

  11. Da dottoranda, da italiana, da 25enne e soprattutto da donna..l’amarezza è grande!
    Grazie per la denuncia bellissima che fai!

  12. scritto il 25 gennaio 2011 15:50 da carmela

    …potrebbe andarci lui a lavorare alla catena di “monta”…ggio se gli piace così tanto!!!…senza pause ed incentivi tanto non ne ha bisogno…lavora per tutti gli operai e ce lo togliamo di torno!…sai che favola!?!

  13. scritto il 26 gennaio 2011 09:25 da lucio

    zoro sei il migliore dei cronisti

  14. scritto il 26 gennaio 2011 18:51 da Gabriella

    Non c’è che dire. Il tuo è giornalismo, critica cronaca e denuncia di alto livello.
    Sei di una bravura incredibile….Fai più informazione tu in 11 minuti che tutto il resto della bolgia che è “riconosciuta” come Informazione….
    Mi addolora solo pensare che la tua bravura serva per farci vedere come stiamo messi male…..
    verranno mai tempi migliori?

    Grazie comunque per quello che fai! :-)

  15. A’ Zoro, sei un mito :D

  16. scritto il 27 gennaio 2011 18:55 da Pol

    Notizia Ansa:
    Mubarack si rivolge alla folla per calmarla:
    “Vi giuro, non è mia nipote!”

  17. scritto il 28 gennaio 2011 15:25 da dospin

    la rivoluzione la faranno le mignotte e i servi quelli veri,sì la faranno loro però con la massima eleganza
    come piace a lui

  18. scritto il 28 gennaio 2011 17:35 da moubaràk

    il pd è effettivamente il partito più democratico in circolazione al momento. il meccanismo delle primarie ad esempio è veramente ben congegnato. penso sia veramente fantastico che possano andare a votare tutti per scegliere i rappresentanti del partito.
    si da così la possibilità alla maggioranza di scegliere i rappresentanti del partito di minoranza ove questi non vi riescano da soli.
    ma ci pensate quanti soldi il partito può riuscire ad accumulare in vista delle prossime elezioni facendo votare anche quelli del pdl e decine e decine di cinesi??in campania hanno capito come si fa. così si fa! anche se in realtà l’idea fu applicata anche alle famose primarie veltroniane.
    ma poi se non viene eletto chi vuole il pd che si fa? direte voi. si commissaria o si annullano le primarie! che ci vuole? tanto il voto è stato comunque democratico, chi ha avuto avuto avuto chi ha rat rat rat…eheh…

  19. scritto il 29 gennaio 2011 00:51 da Pulcione

    Diego, sei troppo bravo per fare il comico, buttati in politica pure tu! Scherzi a parte, hai talento e tanto.
    La scelta delle musiche (sarà che io sono un 73), una gran faccia di bronzo e una visione laterale non comune per i tuoi colleghi.
    Continua così.

  20. scritto il 29 gennaio 2011 18:59 da Sebastiano

    Grazie Diego. Solo ti chiedo di pubblicare piú spesso. I tuoi video danno un’informazione critica, lucida, umoristica e comica (involontariamente comica, riguarda i poersonaggi di cui tratti) rara, e stimolante. Continua cosí.

    Sebastiano

  21. Diego, mitico!
    devi raccontare il disastro delle primarie a Napule. Esilarante e drammatico.

    francesconicodemo.it

  22. scritto il 31 gennaio 2011 10:27 da Candida

    [waiting for] SESSANTOTTO chiama celebrazione, commemorazione, rivisitazione… certo che poi sessantanove, di questi tempi, è ancora più evocativo, ma, a maggior ragione, a ciascuno i suoi simboli no?

    P.S. sì,sì, lo so che nel 68 non c’ero io e non c’eri tu, ma insomma… se mettiamo di mezzo pure l’anagrafe, ci hanno preso proprio tutto.
    Buon lavoro.

  23. scritto il 1 febbraio 2011 18:19 da Andrea
  24. scritto il 6 febbraio 2011 11:47 da Paolo

    mi sento smarrito…pubblica qualcos’altro!

  25. scritto il 8 febbraio 2011 10:27 da Franesco

    Comunque: “Ecco il manifesto dell’opposizione…”

    Credo che questa sia la frase più significativa…

    Grande e grazie di cuore.

  26. scritto il 17 settembre 2011 20:44 da Natalia

    Geniale!

Lascia qui il tuo commento


Creative Commons License